A tu per tu con… Daniele Zonta

CENTROCAMPISTA CENTRALE – Piede: dx – 2020-2019 Nove, 2018 Juventina Laghi, 2017-2015 Nove

QUAL È LA PARTITA CHE RICORDI CON PIÙ AFFETTO E PERCHÉ? «Solagna-Nove, vinta 3-5 nel 2019. Una partita indimenticabile per la prestazione e per me, che segnai il gol del 4-2».

UN EPISODIO CHE RICORDI CON PARTICOLARE PIACERE? «Giocavo con i Giovanissimi del Rosà e mi capitò di disputare un match all’Appiani contro i pari età del Padova: fu indimenticabile, in uno stadio mozzafiato».

IL PROSSIMO GOL CHE FARAI, LO DEDICHERAI A…? «Il prossimo sarà dedicato ai miei compagni: siamo un grande gruppo… e con la parola “gruppo” intendo anche lo staff».

POTENDO RIGUOCARE UNA PARTITA, QUALE SAREBBE? «Quella dello scorso anno contro il Tezze sul Brenta, perchè con l’uomo in più perdemmo 2-0. Avremmo potuto fare meglio…».

COME È NATA IN TE LA PASSIONE PER IL CALCIO? «Da bambino, giocando a calcio nel campetto vicino casa».

HAI UN GIOCATORE A CUI TI ISPIRI? «Essendo tifoso milanista d.o.c., dico senza dubbio Kakà».

QUAL È IL TUO COMPAGNO PIÙ ELEGANTE, QUELLO CHE CI TIENE DI PIÙ AL LOOK? E IL PIÚ CASINISTA? «Per il look Riccardo Bresolin, per l’eleganza Mattia Rigo. Il più casinista è Leonardo Del Fiacco».

SE NON AVESSI FATTO IL CALCIATORE, QUALE SPORT TI SAREBBE PIACIUTO PRATICARE? «Sicuramente il ping-pong».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.